VOLTERRA

Eventi in città
  • 21 - 28 Ago 2016

    Volterra AD 1398

    La rievocazione medievale giunge nel 2016 alla XIX edizione. La festa torna ogni anno con atmosfere diverse nel cuore pulsante della Velathri medievale. Il centro storico della città si anima di un passato mai sopito e i visitatori vengono trasportati, quasi per magia, indietro nel…

     

  • 27 Ago 2016

    Ludus Balistris

    Il sabato precedente alla quarta domenica di agosto si tiene il Ludus Balistris: torneo di tiro di balestra antica da banco, che vede sfidare le migliori compagnie dei balestrieri della Litab (Lega Italiana Tiro alla Balestra) e della Fib. Una manifestazione eccezionale al livello nazionale.…

     

  • 4 Set 2016

    Astiludio

    Il Comune stesso si fa premura di pagare «pro quinquaginta septem astis datis pluribus iuvenibus vulterranis pro astilundendo civitatem Volterrarum et pro quatuor vartis hedi pro pictura armorum comunis super targectis». Il gioco d’aste calibrate per la sbandierata, bandiere personali e civiche, scudetti con le…

     

  • 10 Sett 2016

    Notte Rossa

    Le notti estive in Toscana si tingono del blu del mare, del bianco della Luna, dei tre colori della bandiera italiana. Da noi si tinge del rosso dei tramonti, del vino della nostra terra, della passione per l’arte, la cultura e per i sapori. Si offre…

     

  • 11 Set 2016

    Volterra Fiorita

    In Piazza dei Priori, l’esplosione floreale del mercato di vivaisti, floricoltori e artigiani. Il centro storico della città si anima, per l’intera giornata, con gli stand creativi e multicolore del mercato di fiori e piante, fra natura e artigianato. Appassionati della terra, direttamente a contatto…

     

  • 19 Set 2016

    Fiera di Volterra

    Il lunedi dopo la terza domenica di Settembre si tiene da tempo immemore nella bellissima Piazza dei Priori, Via Roma e Piazza San Giovanni la fiera annuale cittadina. Tra cioccolatini e brigidini una passeggiata in compagnia dei bambini! La festa è in onore alla Madonna…

     

SPECIALE

RIEVOCAZIONI MEDIEVALI

La magia del viaggio nel tempo.

Sono sette le manifestazioni principali che animano la primavera, l’estate e l’autunno volterrano. Il medioevo è di casa, riscopri come realmente si sviluppato nella nostra città e come adesso ve lo riproponiamo.

Ads
  • Podere Serraspina

    Riposati e trascorri la vacanza immerso in una quiete unica, godendo del sole ai bordi della piscina o del fresco nel boschetto di olmi. Assolutamente idoneo per qualunque tipologia di soggiorno, sicuramente per stare rilassati è il massimo!

     

  • Dolce Campagna

    Siamo al centro della Toscana. Le città d’arte, i boschi e il mare sono dietro l’angolo: viaggiare partendo da qui è tutto più facile. Zona silenziosa con tanto di giardino e piscina!

     

  • Pratiche 360°

    La consulenza per la gestione delle pratiche per un giusto risarcimento di infortuni stradali o sul lavoro, danni medici e risarcimenti patrimoniali è oggi di fondamentale importanza. Non sempre chi rimane vittima di un incidente o subisce un danno ha la conoscenza legale e medica…

     

COSA VEDERE

Centro Storico
  • Piazza San Giovanni

    Questa piazza è situata al margine del pianoro su cui è costruito il centro storico di Volterra. Fino al secolo scorso il forte balzo di quota che ne delimita il lato orientale doveva segnare l’apertura al paesaggio sottostante; infatti il corpo ottocentesco usato come autorimessa…

     

  • Piazza XX Settembre

    Lo spazio, che divide Via Don Minzoni da Via Nuova, è Piazza XX Settembre. Classica piazzetta ottocentesca, solo dopo il 1870, dopo cioè la breccia di Porta Pia, fu intitolata alla storica data. Stranamente, ma così è la storia, il “Giardinetto”, come comunemente i volterrani…

     

  • Via dei Sarti

    Via de’ Sarti ci rammenta la corporazione di quell’arte che, anticamente, svolse compiti di sartoria in Volterra. Prima di subire le varie modificazioni, conduceva dall’attuale Via Buomparenti a Via Matteotti. Lunga 151 metri e lastricata, la famosa strada ha subito, negli anni, molte denominazioni. Nel…

     

  • Via Giusto Turazza

    Questa è la via che collega Piazza dei Priori e Via dei Marchesi con Piazza S. Giovanni. Nel medioevo questa strada era chiamata Chiasso dei Forti, dal nome della famiglia che vi possedeva una casa che venne abbattuta nel 1321 su ordine dei Priori per…

     

  • Via di Sotto

    Questa strada collega Via Guarnacci con Piazza XX settembre. Sul lato sinistro di essa si aprono due strade che conducono entrambe alla fonte di Docciola: Via di Docciola e Via della Fonte, oltre ad un piccolo vicolo dal nome di Vicolo degli Anditi. Questo toponimo…

     

  • Via San Lino

    È la strada che, oggi, conduce da piazzetta S. Cristoforo a Porta S. Francesco. Lunga 240 metri e lastricata, la via ha assunto l’attuale denominazione solo a partire dal 1940, in onore del pontefice volterrano della nobile famiglia dei Mauri che, stando alla tradizione, avrebbe…

     

Oltre le Mura
  • Ariano

    Sede di un borgo a circa 6 chilometri a Sud Est della città. La prima menzione del sito è del 1004, quando fu offerto al Vescovo la metà di un terreno posto ad Ariano. Nel medioevo era sede di un castello intorno a cui, nel…

     

  • Via Porta Diana

    È la via che, dalla piazza del Bastione, vicino Porta Fiorentina, conduce alla Porta Diana. Lunga 880 metri, la strada prende il nome dalla seconda porta etrusca di Volterra, indicata anche come “Il Portone”. Il toponimo della Porta, che costituisce il punto di arrivo del…

     

  • Il Tesoro nascosto di Monte Voltraio

    Image 1 Image 2 Image 3 Image 4 Image 5 Image 6 Affascinante, misterioso, intrigante Monte Voltraio. “Quel colle a forma di tronco di piramide su cui si posava maestoso e lugubre l’avvoltoio, era un luogo sacro, uno scrigno naturale, discreto e impenetrabile, nel quale…

     

  • Roncolla

    Sulla strada statale 68, a qualche chilometro dall’ermo colle, verso San Gimignano, sorge il caratteristico e delizioso borgo di Roncolla. Derivando forse il nome da un antico Runeum, il borgo mostra ancora l’antica struttura del piccolo nucleo murato, disposto da ovest a est, sulla cui…

     

  • Le Balze

    Con il termine di Balze, che sembra originario di questa località a NW di Volterra, vengono indicate alcune pareti a picco di sabbie sormontate da calcari arenacei e sovrapposte alla potente formazione marina delle argille azzurre del Pliocene. Le Balze costituiscono uno dei luoghi più…

     

  • Ulignano

    A 425 metri di altitudine si trova l’antico villaggio con chiesa parrocchiale, intitolata a San Pietro, nel piviere della Nera. Ulignano è situato su colline cretose tra le sorgenti di Era Viva e il botro Strolla. E’ ricordato dall’Alberti come Uligneto in un documento del…

     

Fuori Strada
  • La miniera di Caporciano

    Montecatini conobbe il suo periodo di massimo splendore economico e sociale nell’Ottocento, con la riattivazione dell’estrazione del rame nella Miniera di Caporciano, considerata la più ricca oltreché la più antica miniera cuprifera d’Europa. Dopo vari tentativi di sfruttamento più o meno proficui, incoraggiati anche dalla…

     

  • La chiesa della Madonna del Libro

    Molte sono le antiche costruzioni, conservate o in rovina, che, nella Zona Boracifera, portano in sé i ricordi di un lontano passato. La chiesina della Madonna del Libro, nei pressi della Leccia, è fra queste: e su di essa vogliamo oggi attirare l’attenzione dei nostri…

     

  • Buriano

    Nel 1940 Buriano comprendeva una vasta Fattoria con villa, castello, chiesa parrocchiale di San Niccolò ed era di proprietà di Antonio De Rochefort. Situato a 245 metri sul livello del mare, sullo sprone meridionale del Monte di Montecatini, tra il Botro Cortolla e il Botro…

     

  • Castel di Montagna

    I dolci rilievi collinari ed i fitti boschi di castagni, rovere, carpine, cerro, pino, corbezzolo, roverella, ligustro, dai quali crescono una miriade di prodotti del sottobosco, dalle castagne, alle more, ai funghi, fanno dei dintorni di Castelnuovo un ambiente ideale per una ricca e varia…

     

  • Torraccia di Cornia

    Abbiamo parlato della «Bestia di S. Dalmazio», di resti dell’antica strada della Valle del Secolo, della Tomba Etrusca di Montecastelli. Proseguendo il nostro giro d’orizzonte sulle antichità meno note del Volterrano vogliamo ricordare oggi la «Torraccia di Cornia» nota anche come la «Torre del Castelluccio».…

     

  • La Bestia di San Dalmazio

    Girando per lenostre vaste terre non è raro imbattersi in resti antichi che ignorati o dimenticati dagli storici, possono destare curiosità degli occasionali visitatori. E’ capitato talvolta anche a noi di non trovare notizie esaurienti o documentazioni precise su qualche resto che ci pareva degno…

     

Tesori Perduti
  • La Ferrovia

    La linea ferroviaria che collega l’alta Val di Cecina con la linea costiera tirrenìca fu compiuta appena dopo l’unità d’Italia, il 20 ottobre 1863 fu infatti aperto al traffico il tratto Cecina – Saline di Volterra. Il collegamento con Pisa fu completato solo nel 1874…

     

  • Ospedale Psichiatrico

    La città di Volterra, per molto tempo, oltre ad essere ricordata come la città etrusca e medievale del vento e del macigno, veniva spesso identificata come la città dei “matti”. L’appellativo non era riferito ai cittadini volterrani, quanto agli ospiti dell’Ospedale Psichiatrico, malati di mente…

     

  • Tre antichi orologi da torre

    Ho parlato dell’orologio astronomico del Palazzo dei Priori e delle sue vicende fino ai nostri giorni, ma esistevano anticamente altri tre orologi da torre, di cui ho trovato traccia durante le mie ricerche d’archivio. Pur non essendo esaustiva la ricerca per la mancanza di alcuni…

     

  • L’orologio astronomico

    Sulle origini e le vicende dell’orologio pubblico, collocato sotto la torre del Palazzo dei Priori, sono state già scritte molte cose. Alcune sono state già pubblicate su riviste locali, altre sono ancora in forma dattiloscritta e sono conservate presso la biblioteca Guarnacci. Il mio studio,…

     

  • Porta Balduccia

    Varie ipotesi sussistono riguardo a dove si trovasse Porta Balduccia. La prima ipotesi è quella che si trovasse nei pressi dell’attuale Spalletta dei Ponti, cioè in quel tratto di mura abbattuto nel 1820 per far posto al piano stradale del Viale dei Ponti1. Che nei…

     

  • La Scuola Agraria

    La Toscana, già sotto i Lorena, aveva raggiunto un alto grado di specializzazione in fatto di culture agricole. Indubbiamente il sistema scolastico toscano superava quello di tutti gli altri stati italiani. Firenze era il centro italiano più importante di studi pedagogici e di innovazioni in…

     

Parlano di Volterra!
  • La Città dei Vampiri e non solo

    Di tenebrosi personaggi dai canini appuntiti non ne troverete neanche uno, a meno che stiate leggendo New Moon – il secondo libro della Saga di Twilight scritto da Stephenie Meyer e ambientato proprio qui – ma di certo scoprirete una tra le più belle città della…

     

  • Tuscany’s top hill town

    Just a two-hour drive from jammed-with-tourists Florence, you’ll find what is perhaps Italy’s most underrated hill town. With rustic vitality and surprising depth, its out-of-the-way location keeps it from being trampled by visitors. Unlike other famous Tuscan towns, Volterra feels real, vibrant and almost oblivious…

     

  • 3 mil anos de história

    Visitar a pequena ciudad toscana é poder testemunhar um local que contabiliza mais de 3 mil anos de história. Esta é outra cidadezinha aqui da região Toscana que a gente sugere para os que gostam de lugares mais pitorescos, únicos, tranquilos e cheios de histórias.…

     

  • Our 10 favourite places in Tuscany

    Italy may very well be THE country in Europe that attracts the greatest number of tourists from all over the world. There is something alluring about the images of cypresses on the hilltops, the ocher-coloured houses and the indigo-blue night sky full of bright stars…

     

  • Exploring city off-the-beaten path

    When I was invited to a cena galeotta (convicts’ dinner) at city State Prison I couldn’t help turning the invitation into a one week holiday to explore Tuscany, to enjoy its gentle hills and their countless autumn shades and -why not- also to do nothing…

     

  • Due toscani in viaggio

    A Velathri siamo andati innumerevoli volte ed è forse la città d’arte che meglio conosciamo in Toscana. Ci piace molto girovagare entro le sue rassicuranti mura: l’armonia delle sue costruzioni è contagiosa, si finisce per sentirsi parte della città anche solo dopo qualche ora. Forse…

     

TE LA RACCONTO IO!

Storia Contemporanea
  • XXIII Brigata Garibaldi

    Il volterrano Benito Bini nel 1943-44 si sottrasse alla leva militare della Repubblica Sociale Italiana e aderì al movimento partigiano. Entrato nella XXIII Brigata Garibaldi “Guido Boscaglia che agiva a Sud di Volterra assunse rapidamente la responsabilità di comandante di plotone e partecipò attivamente alle…

     

  • Volterra, gli etruschi e i fascisti

    Lawrence, l’autore di “L’amante di Lady Chatterly”, visitò Volterra nei giorni 10 e 11 aprile dell’anno 1927 in compagnia del pittore americano E.H. Brewzter. Vi si trattenne due giorni ospite dell’Albergo Nazionale e descrisse le sue impressioni nei suoi “Travel” inserendo le pagine su Volterra…

     

  • Vicini, ma lontani

    Una città che fu nel libro di Luca Caioli “Io, il Pupo”; una biografia in diretta che fa rivivere tempi andati anche a chi, come il sottoscritto, ha qualche anno meno del nostro Aulo. Scegliendo fior da fiore, come si usa dire, un passo apparentemente…

     

  • Vecchi natali volterrani dei bimbi poveri

    Profumo d’arance, odore di neve nell’aria e di pampepati nelle vetrine; presepio con pecorelle, pastori, borraccina, ponticelli su torrenti fatti con pezzi di vetro. Che gioia il Natale! Gioia anche per i bimbi poveri, come qualcuno che aveva un nome uguale a quello di chi…

     

  • Una visita granducale

    Quando il granduca non disdegnava di salire fino a Montecatini… Si sa, le attenzioni solitamente sono rivolte a ciò (o a colui) che ne ha meno bisogno o, per meglio dire, a ciò (o a colui) che potrebbe assicurarci dei vantaggi. E la ricchezza del…

     

  • Una passione amorosa di Stendhal

    La riduzione televisiva de Le mie prigioni di Silvio Pellico, inquadrate nel clima degli anni Venti del primo Ottocento, mi ha spinto a rievocare una sfortunata avventura amorosa a Volterra di Stendhal, il celebre autore de Il rosso ed il nero e de La Certosa…

     

Storia Moderna
  • La ‘ncantatrice di Travale

    Le ricerche svolte sulla stregoneria sono varie e molteplici, numerosi i percorsi scelti da studiosi appartenenti spesso a discipline diverse e diverse le interpretazioni, che variano secondo le epoche e i contesti culturali. La stregoneria si presenta infatti come «un fenomeno policentrico e dai labili…

     

  • Streghe di Mandringa

    Se fu facile per San Barbato abbattere il secolare noce di Benevento e disperdere così le migliaia di streghe che vi si davano convegno, le difficoltà che avrebbe incontrato a Volterra sarebbero state tanto sovrumane da fargli perdere la speranza di poter sfrattare da Mandringa…

     

  • La Giustarella

    “Quando è freddo e tira vento, chiudi l’uscio e resta dentro”. Sa Dio quante volte, in quel gelido autunno del Quattrocento, gli sarà passato per la mente mentre facevano la guardia nottuma appostati alla Porta di San Felice, per vedere se dalla Valle del Cecina…

     

  • Aradia, la Strega Santa

    Quando nel 1891 pubblicai la versione precedente di questo scritto, considerai la storia della Strega Santa, nella forma in cui mi era stata riferita, come un racconto completo e coerente fedelmente tramandato di generazione in generazione. Invecchiando, però, mi accorsi come la storia con cui…

     

  • La Casa del Vento

    «Ascolta l’urlo e il fischio dei venti, il loro rombo sordo quando giungono mugghiando, / Perché la potenza ha molte voci, e quando si scatena / La tempesta, in volo chiama con gioia spaventosa E riecheggia quando colpisce il fianco della montagna, / E si…

     

  • La nascita e lo sviluppo delle Contrade

    La parola Contrada deriva dal latino contra, che vuol dire (zona) che ci sta di fronte, vicina. Si tratta quindi di un termine essenzialmente usato per indicazioni topografiche, tanto è vero che ancora oggi in alcune regioni del Sud Italia è usato come sinonimo del…

     

Storia Medievale
  • Accademia dei Sepolti

    L’Accademia dei Sepolti, una fra le istituzioni cittadine più antiche, venne fondata il 17 marzo 1597 da quattro giovani volterrani: Francesco di Niccolò Incontri, Giovanni Villafranchi, prete e poeta, Martino di Antonino Falconcini, dottore in medicina e Giovan Battista Seglieri, chierico commediografo e poeta. L’idea…

     

  • La Compagnia della Misericordia

    La Compagnia della Misericordia è certo una delle istituzioni più antiche della nostra città, è ancora attiva e ancora, come nei secoli passati, meritevole della riconoscenza e della stima di tutti i Volterrani. Ricostruirne la storia vuoi dire quindi rendere il dovuto omaggio a chi…

     

  • Il Patrono Sant’Ottaviano e l’«Eroe cinese»

    Il 21 settembre 1761 ebbero luogo a Volterra le solenni celebrazioni in onore del compatrono sant’Ottaviano, profugo dall’Africa cristiana (VI secolo) ed eremita in un bosco di là dal fiume Era, dove visse in digiuno e preghiera nel tronco cavo di un olmo. Dopo la…

     

  • Stemma di Belisario Vinta

    Nel passato Volterra ha dato alla Toscana importanti uomini di stato. Tra questi, un posto di rilievo nel secoli XVI e XVII spetta a Belisario Vinta, figlio di Francesco e fratello del senatore Paolo, giureconsulto e stimato “auditore fiscale” del granducato. Nato il 13 Ottobre…

     

  • Sacro e religiosità all’epoca della visita di Cosimo II

    Tutto è grazia «per coloro che amano Dio» e, in ossequio a questa frase attribuita a Sant’ Agostino, la devozione popolare all’epoca di Cosimo II fu eclettica e ricca di espressioni. Grande considerazione ebbero pertanto il culto di santi e beati, la venerazione delle reliquie,…

     

  • Giovanna d’Austria nel caldo settembre del 1570

    Volterra è città fredda d’inverno e temperata d’estate. Fin qui nulla di nuovo, ma come per tutte le regole ci sono delle eccezioni, così una di queste, riguardo al clima cittadino, si verificò i primi di settembre 1570. Ne parla in una lettera conservata all’Archivio…

     

Stelle del Poggio
  • Socrate

    Il Socrate di cui intendo rievocare succintamente le gesta non ha naturalmente niente a che fare col famoso filosofo greco. Tuttavia presso la laboriosa popolazione di Saline il mio Socrate e cioè il Becorpi era assai più conosciuto dell’altro e non certo per i suoi…

     

  • Ticche

    Veramente si chiamava Robusto ed era originario di Pomarance, scaturito dalla numerosa famiglia dei Tani. E robusto lo era davvero. Bastava vederlo all’opera nel suo ingrato mestiere di muratore, percorrere instancabile ogni angolo della Salina per riparare un muro sbrecciato, per tirare su un baggero,…

     

  • Pènco

    Eravamo all’inizio degli anni 20, forse nel 1924. Nel Vicolo delle Prigioni abitava un uomo chiamato Pènco. Sulla sua origine i vecchi mi hanno saputo dir poco. Era un uomo solo, venuto dalla campagna. Sembra fosse sopravvissuto alla terribile epidemia che aveva distrutto la sua…

     

  • Bruno Landi

    La scomparsa del tenore Bruno Landi ha riportato alla mia mente gli anni lontani della nostra giovinezza, le liete brigate, le smerendate» del lunedì, le scorribande canore nelle sere di bel tempo ed i primi passi verso una sistemazione economica. Ricordi che ripassavamo insieme agili…

     

  • Francesco Ceppatelli

    Il 1° maggio 1921, si spense a soli 61 anni, Francesco Ceppatelli, meglio noto con il nomignolo che lo accompagnò per tutta la sua lunga e fortunata carriera di fantino: Tabarre. Il soprannome gli derivò perchè probabilmente usava indossare il tabarro, che era un indumento tipico…

     

  • Beppe di Berignone

    Il viandante che un tempo percorreva la via del «Gioco Novo» si soffermava volentieri davanti a quel casamento basso sulla cui facciata era scritto a tempera «Da Beppe Trattoria di Berignone». Si soffermava attratto da quell’insegna storpiata e rimuginava su quel «Berignone» perché era un…

     

CONTATTI

Centro Assistenza

Amministratore
Marco Loretelli
info@volterracity.com
+39 347 44 44 834

Termini e Condizioni
Trattamento dei Cookies
Privacy Policy
Copyright

Nome e Cognome*

Email*

Telefono

Il tuo messaggio