VOLTERRA

Eventi in città
  • 16 Dic 2015 - 11 Ago 2016

    Cene Galeotte

    Per una volta al mese i detenuti del carcere di Volterra realizzano, aiutati da un rinomato chef, cene aperte al pubblico all'interno della Fortezza Medicea di Volterra.

     

  • 5 - 6 Mag 2017

    Volterra City Mountainbike UCI

    Volterrabike, organizza nei giorni 5-6 maggio la prima prova prova di coppa del mondo UCI Mountai Bike Eliminator, che vedrà schierati i migliori ciclisti professionisti, Elite, Under 23 e amatori della specialità. Su un percorso cittadino di 480mt, altamente spettacolare, della splendida Volterra, potrete ammirare…

     

  • 3 Mar 2017

    Tardo Medioevo e Rinascimento a Volterra

    Dall’instaurarsi della Signoria Belfortiana fino alla nascita del Granducato di Toscana, passando attraverso le due guerre “dell’imprendibile e irrequieta Volterra” opposta all’inarrestabile potere fiorentino. Anche quest’anno l’Associazione Pro Volterra, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, organizza una serie di incontri a…

     

  • 25 Mar 2017

    Colombine della Pace!

    Da molti anni durante il periodo pasquale il Movimento Shalom intraprende la campagna “Colombine della Pace” per sostenere il progetto Scuola di Pace.

     

  • 25 - 26 Mar 2017

    Alla ricoperta delle Tombe etrusche Bianchi e Inghirami

    Due tombe etrusche quasi dimenticate, ma oggetto dal 2010 di nuovi studi. Abitualmente le tombe sono chiuse e non visitabili, quindi la loro apertura è sicuramente un evento.

     

  • 25 - 26 Mar 2017

    Vento e Follia con Oliviero Toscani

    «La fotografia è il medium per eccellenza di quell’enorme pubblicità che il mondo fa di sé costringendo la nostra immaginazione a impegnarsi, le nostre passioni a travestirsi, la nostra morale ed etica a domandarsi». Con questa premessa sulla fotografia, Oliviero Toscani propone: Neverendingphotomasterclass, ciclo di…

     

VOLTERRA APP

Sei un esercente?

Promuovi la tua attività con noi!
Scopri di più!

Sei un turista o residente?

Scopri perchè scaricare l’App gratuita di Volterra.
Scopri di più!

download-app-volterra

Attività Commerciali
  • in 0 minuti

    Dolce Campagna

    Siamo al centro della Toscana. Le città d'arte, i boschi e il mare sono dietro l'angolo: viaggiare partendo da qui è tutto più facile. Zona silenziosa con tanto di giardino e piscina!

     

  • in 0 minuti

    La Cantina di Fabio

    Enoteca da visitare. L’ambiente confortevole offre al passante una giusta cornice per fare una piacevole sosta. Oltre al vino, potete gustare olio e pecorino del territorio volterrano e salumi tipici toscani.

     

  • in 1 minuto

    Mille Zampe

    Pet Shop e Toelettatura. L’amore che abbiamo per gli animali ci ha portati a scoprire anno dopo anno questo fantastico mondo e ci ha fatto capire che questa è la vita giusta per noi.

     

COSA VEDERE

Centro Storico
  • in 4 minuti

    Viale dei Ponti

    Questo viale, che costituisce un accesso spettacolare alla città, fu costruito nel 1825. All'inizio del secolo fu dedicato a Giosuè Carducci, ma dal 1930 assunse la denominazione attuale, che nel medioevo spettava ala Piazza adiacente.

     

  • in 29 minuti

    Via San Lino

    È la strada che, oggi, conduce da piazzetta S. Cristoforo a Porta S. Francesco. Lunga 240 metri e lastricata, la via ha assunto l’attuale denominazione solo a partire dal 1940, in onore del pontefice volterrano della nobile famiglia dei Mauri che, stando alla tradizione, avrebbe…

     

  • in 5 minuti

    Via San Filippo

    Questa strada, parallela a Via Ortotondo, collega Piazza dei Fornelli con Via Franceschini e, all'interno di essa, si apre Via Codarimessa. Prende il nome dalla chiesa omonima del 1641.

     

  • in 12 minuti

    Via San Felice

    Questa strada collega l’asse viario principale della zona, Via S. Lino, con le fonti e la porta di San Felice, da cui prende il nome, non ha andamento rettilineo, ma disegna una leggerissima S con le due quinte di case, dal tipico andamento scalettato, che…

     

  • in 16 minuti

    Via Porta all’Arco

    Via della Porta all’Arco costituisce il primo tratto di un percorso viario che attraversa Volterra in direzione Sud-Nord. E uno dei percorsi stradali più antichi dell’intera città, infatti corrisponde a una parte del Cardo Maximus, la strada che attraversava in direzione Nord-Sud la città antica…

     

  • in 29 minuti

    Via Guarnacci

    La strada prende il nome dalla famiglia Guarnacci il cui palazzo si trova all’inizio della via. Ha direzione Sud-Nord e collega Via Matteotti alla Porta Fiorentina. La prima parte, su cui si affaccia la chiesa di S. Michele Arcangelo, è oggi chiamata abitualmente dai volterrani…

     

Oltre le Mura
  • in 3 minuti

    Le buche etrusche

    Buche etrusche, così chiamavamo le tombe ed i cunicoli degli etruschi che, da ragazzi, ogni tanto visitavamo alla ricerca di qualche resto di quegli antichi nostri concittadini.

     

  • in 5 minuti

    Borgo Sant’Alessandro

    Questa strada prende il nome dalla chiesa omonima collocata ad una delle sue estremità. Sappiamo che esisteva un toponimo Borgo Sant’Alessandro già dal medioevo, l’indicazione si riferiva all’agglomerato suburbano che si era costituito intorno alla chiesa dopo la sua fondazione. L’abitato di borgo Sant’Alessandro è…

     

  • in 5 minuti

    Monte Nero e Monte Voltraio

    Queste due collinette, rispettivamente alte 508 e 458 metri, si trovano fra la Nera e Roncolla e sono molto scoscese e dirupate, assai vestite di bosco.

     

  • in 14 minuti

    Borgo Santo Stefano

    Con il nome di Borgo S. Stefano è chiamata quella parte dell’abitato che si trova ad Ovest della Porta S. Francesco fino all’Istituto Statale d’Arte; prende nome da quello della chiesa più importante della zona, lo stesso che viene dato alla strada principale che attraversa…

     

  • in 13 minuti

    Il Tesoro nascosto di Monte Voltraio

    Affascinante, misterioso, intrigante è il Monte Voltraio: un luogo sacro, uno scrigno naturale, discreto e impenetrabile, ormai in rovina, ma sempre visitabile.

     

  • in 5 minuti

    Borgo San Lazzero

    È il borgo che si estende da Viale Carducci alla SS.68 e sorge a est della collina di Volterra, in una vallata il circa 50 metri più in basso rispetto alle mura medievali. Trae il nome dalla piccola chiesa posta al suo termine, prima di…

     

Fuori Strada
  • in 7 minuti

    Treschi

    Parlare di cose del passato, quando esistono pochi ed incerti ruderi ed ancor meno notizie storiche su di essi, è assai impegnativo. Così, a mio avviso, è del Castello di Treschi che è stato un fortilizio nella zona del Volterrano, nei pressi dei Cornocchi, in…

     

  • in 10 minuti

    Bruciano

    Sui monti a mezzogiorno di Castelnuovo Val di Cecina, là dove nasce il fiume Cornia, in vetta al versante che guarda la vallata percorsa dal torrente Pavone, sopra un crinale a 760 metri di altitudine, si trovano i ruderi del castello di Santa Lucia in…

     

  • in 6 minuti

    Torraccia di Cornia

    Abbiamo parlato della «Bestia di S. Dalmazio», di resti dell’antica strada della Valle del Secolo, della Tomba Etrusca di Montecastelli. Proseguendo il nostro giro d’orizzonte sulle antichità meno note del Volterrano vogliamo ricordare oggi la «Torraccia di Cornia» nota anche come la «Torre del Castelluccio».…

     

  • in 15 minuti

    Castello della Pietra e della Pietrina

    Proseguendo l’itinerario dell’alta Val d’Era, non poteva mancare una visita alla Pietra ed alla Pietrina, che tanta importanza hanno avuto nelle vicende storiche di Volterra. Tali località, infatti, sono state per un periodo, gli estremi e contesi baluardi del Comune di Volterra e, certamente, rientravano…

     

  • in 4 minuti

    Buriano

    Nel 1940 Buriano comprendeva una vasta Fattoria con villa, castello, chiesa parrocchiale di San Niccolò ed era di proprietà di Antonio De Rochefort. Situato a 245 metri sul livello del mare, sullo sprone meridionale del Monte di Montecatini, tra il Botro Cortolla e il Botro…

     

  • in 8 minuti

    Castel di Montagna

    Castelnuovo è situato a 576 m d'altitudine, mentre più in alto troneggia il poggio Aia dei Diavoli, che raggiunge gli 875 m. Un paese dal fascino medievale, ancora intatto.

     

Tesori Perduti
  • in 8 minuti

    La Ferrovia

    La linea ferroviaria che collega l’alta Val di Cecina con la linea costiera tirrenìca fu compiuta appena dopo l’unità d’Italia, il 20 ottobre 1863 fu infatti aperto al traffico il tratto Cecina – Saline di Volterra. Il collegamento con Pisa fu completato solo nel 1874…

     

  • in 14 minuti

    Ospedale Psichiatrico

    La città di Volterra, per molto tempo, oltre ad essere ricordata come la città etrusca e medievale del vento e del macigno, veniva spesso identificata come la città dei "matti".

     

  • in 21 minuti

    Il Pio Istituto dei Buonuomini

    L'Istituto dei Buonomini di S. Michele di Volterra fu fondato il 26 settembre 1553 in seguito al lascito testamentario di Giusto Turazza. Il compito dell'Istituto era quello di assistere i poveri e i miserabili.

     

  • in 5 minuti

    La Cucina Economica

    Il Pio Istituto aprì una cucina popolare economica allo scopo di fornire alla classe lavoratrice meno agiata cibi preparati secondo le regole dell’igiene domestica al puro prezzo di costo.

     

  • in 6 minuti

    Il monte di pietà

    L'immaginario del Monte di Pietà alla fine del 900. Una descrizione semplice di queste istituzioni finanziarie che anche Volterra ebbe per tanti secoli.

     

  • in 9 minuti

    Il leprosario di San Lazzero

    Il nome di San Lazzero deriva dall'antico leprosario che a Volterra si era edificato per la cura dei lebbrosi. Oggi non rimane niente, ma un tempo svolgeva grandi funzioni.

     

TE LA RACCONTO IO!

Storia Contemporanea
  • in 6 minuti

    Beppe di Berignone

    Il cacciatore numero uno di tutto il Volterrano, l'uomo che vantava di non aver mai fatto una «padella». Un simbolo, una figura rappresentativa di tutta la collettività dei cacciatori.

     

  • in 15 minuti

    Bacco in Volterra

    Un breve componimento poetico in ottonari dall'andamento colorito e spumeggiante come il vino appena spillato, per rendere omaggio ai più famosi bevitori e briachi di Volterra.

     

  • in 3 minuti

    La Ditta Rossi Alabastri

    La vita della Ditta Rossi Alabastri raccontata da Piero Fiumi. Sono cent'anni dalla sua fondazione avvenuta nel 1912, in Piazza della Pescheria.

     

  • in 42 minuti

    Una città che non esiste più

    Fra gli ultimi di maggio e i primi di giugno i volterrani erano chiamati a celebrazioni civili e religiose, che potevano considerarsi come l'esplosione gioiosa per il lungo silenzio invernale.

     

  • in 7 minuti

    Un Choleroso alla Burlanda

    Sul colera scoppiato nel volterrano poco si sa, ma nel 1855 funestò Volterra in maniera tale che nel solo mese di agosto furono trasportati trentacinque malati al lazzaretto e sessantacinque cadaveri al cimitero

     

  • in 5 minuti

    Palline e Pattoni

    Se al volterrano tu chiedessi a bruciapelo d’impostar l’equazione «palline e scapaccioni» lì per lì lo metteresti nel pallone. Ma subito dopo, aprendosi in un largo sorriso: – Madonna!… quanti! –, risponderebbe, e poi darebbe la stura al fluir dei ricordi, or vivi ed ora…

     

Storia Moderna
  • in 21 minuti

    Salvator Rosa

    Pittore, incisore e poeta italiano di epoca barocca. Nato partenopeo, attivo oltre che nella sua città, anche a Roma, Firenze e Volterra; fu un personaggio eterodosso e ribelle, dalla vita movimentata.

     

  • in 2 minuti

    Stemma di Belisario Vinta

    Nel passato Volterra ha dato alla Toscana importanti uomini di stato. Tra questi un posto di rilievo spetta a Belisario Vinta; il suo stemma lo troviamo nel Chiostro Grande della SS. Annunziata di Firenze.

     

  • in 3 minuti

    Dama volterrana alla corte della principessa

    «La speranza che sempre ho havuta in Vostra Eccellenza Serenissima è stata grandissima et tanto più m’è accresciuta per la lettera sua scrittami quando dette moglie a Girolamo dicendo non mancherebbe mai d’aiutarci. Però m’ardisco a chiederli una gratia per la servitù di Minutio mio…

     

  • in 11 minuti

    Belisario Vinta

    Volterrano, ministro dei Medici ed amico del Galilei. Approfondiamo alcune vicende della sua vita nonchè della sua nobile e antica casata.

     

  • in 9 minuti

    Andrea Ghetti

    Andrea Ghetti: Un nome per l’Istituto Magistrale, pedagogista, profeta di tempi nuovi perseguitato e imprigionato dalla Inquisizione.

     

  • in 3 minuti

    Monna Ansidonia

    La peste che infierì a Volterra e nei Borghi nel 1631 provocò più di millecento morti. Una tragedia che colpì anche monna Ansidonia, protagonista di questa cronaca storica.

     

Storia Medievale
  • in 14 minuti

    Una potente famiglia volterrana: i Belforti

    Villani, narra di “Come Messer Attaviano Belforti si fece Signore di Volterra”. Non tutto il racconto è veritiero; è una fonte di parte fiorentina e non potevano dire tutta la verità sulla faccenda.

     

  • in 16 minuti

    Un Inghirami sulla Luna

    Il nome di un volterrano, un illustre scienziato, si trova già da tempo sulle carte lunari. Si tratta del nome di Giovanni Inghirami, una biografia spaziale da leggere.

     

  • in 23 minuti

    The strange history of the last Jews in Volterra

    The vicissitudes of the last Jews in Volterra between the end of the 15th century and the beginning of the 16th century, their conversion and the way they lived after accepting baptism.

     

  • in 2 minuti

    Streghe di Mandringa

    Se fu facile per San Barbato abbattere il secolare noce di Benevento e disperdere così le migliaia di streghe che vi si davano convegno, le difficoltà che avrebbe incontrato a Volterra sarebbero state tanto sovrumane da fargli perdere la speranza di poter sfrattare da Mandringa…

     

  • in 11 minuti

    Processo alla strega di rondinini

    Monna Elena moglie di Nanni da Travale detto Sarteano, incantatrice divinatrice e sortilega, abile a manipolare i consigli secondo le risposte del demonio, della città di Volterra

     

  • in 9 minuti

    Mes̆ullam ben Menaḥem

    Meshullam apparteneva a un’abbiente famiglia ebraica il cui capostipite, Buonaventura di Genatano da Bologna, si era trasferito a Volterra agli inizi del Quattrocento.

     

CONTATTI

Centro Assistenza

Amministratore
Marco Loretelli
info@volterracity.com
+39 347 44 44 834

Termini e Condizioni
Trattamento dei Cookies
Privacy Policy
Copyright

Nome e Cognome*

Email*

Telefono

Il tuo messaggio