Il Mercato di Volterra

E’ v’ho a racconta’ la storia der mercato, che ha pe’ treato la piazza. E’ c’ène ugni sabato, ma anco er venardì, se gliè festa. Ma la piazza e’ un’ basta, e allora s’allarga allo sdrucolo e pe’ inda’ all’ospitale.

Un tempo er mercato der bestiame era in Vallibona e ‘uello de’ maiali fòri Porta San Felice. Tutto era ‘olorito e anco di più, dopo tante beute; e’ ‘un sentiano neanco er tramontano ‘he, quande tira, fa accappona’ la pelle. Oggi er bestiame e’ un si vende più ar mercato, perchè ‘un ce n’ène, e bisogna pigliallo fòra. Da noartri arriva a pezzi e così ti buggerano più meglio, perch’ène tutta ‘arne di prima, e di vacca e di boio e’ ‘un la trovi più. Ene ‘orpa de’ tempi ‘he cambiano, ma e’ ‘ambiamo sempre a danno di noartri; e’ unti pòi fida’ di nissuno, ‘nsinnò ti ritrovi a quer mo’, senza sape’ qual’enno le tua. Er mercato ène er ritrovo di tutti, che ‘hiaccherano d’interesso da cima Via Guidi in fondo a Vi’ Nova dirimpetto all’apparto.

Er mercato di prima però era ‘olorito davvero. Lascia inda’ le beute, che ‘un erano pohe, e’ si vedea certi rossellini alle gote ‘he sembraa aessino un travaso di sanguinaccio. E poi er mo’ di vesti’ d’allora? Usava er cappello a farde strette e rincarato e paro paro, er gibbone di crescenzia, e ‘arzoni a braha, co’ er cavallo guasi a’ ginocchi, serrati dalla fusciacca ‘ n sulla pancia. E poi quer po’ po’ di bocio! E c’era da doventà sordi dall’urecchi dalle strisa. E poi tutto quer gesticola’, sennò e’ ‘un si sarebbero ‘apiti. Er paio de’ bòi ‘he ‘un tira; la vacca marritta ch’ène pregna e la mancina ch’ène resta’ soda; er redo da vende’. E’ ‘un mancaano neanco e’ moccoli der tempo. E sì, anco allora er tempo ‘un ‘ontentaa nissuno: pechè l’acqua, presempio, e’ ‘un bastaa mai, tant’ène ‘he er dottore ner costata’ la diesmania d’uno affogao ‘n der pelago, e’ disse: ” Forse ène l’uniho ‘ontadino che dell’acqua gnen’avanza!”.

O le donne? L’avessino viste le nostre giovini d’oggi, co’ quer cappello di fertro, que’ gonnelloni lunghi guasi a’ piedi! E’ aei voglia di di’ vento autaci, perchè e’ ‘un c’era da vede’ nulla, anco se tiraa l’uragano. E poi e’ ‘un ène come oggi ‘he ‘un importa ‘he t’auti er vento, perchè anco se t’aesse autato e restai sempre a scena bianca. Insomma artri tempi, e le donne d’allora e’ cominciaano a spogliassi appena spose all’artrare, da esse’ pronte a sera pe’ sarta’ ner nidio pe’ la luna di mèle.

Ma ritornamo ar mercato e a’ prezzi.

L’aete sentuto ‘he stangata c0′ prezzi der telefano, della lucia, der treno. La mi’ moglie, presempio, dopo l’utima bulletta ha messo er telefano in sur comò di ‘ambera e ha detto ‘he chi vor telefana’ ha da passa’ sur su’ ‘orpo. E allora? E allora ho vorsuto subito… telefana’ pe’ fa’ la prova.

Ma ora basta scherza’. E bottegai e’ si lamentano perchè er mercato porta via tanti sordi. Ene vero, ma armeno e’ ci si risparmia quarcosa, perchè la roba, alle botteghe, la fanno paga’ le palle… dell’occhi. Insomma er mercato e’ l’hanno vorsuto propio pe’ carmiera’ e prezzi; ma e’ carmiera pòo, perchè oggi si va all’incontro: quelle delle botteghe e’ tiran su anco ‘uelli der mercato.

E allora? E allora e’ ‘un ci po fa’ gnente nissuno, perchè a nissuno glie n’importa. Date retta a me, v’aete a contentà di quer pòo di risparmio e lasciamoli fa’ ch’ ‘un faccin peggio.

© Pro Volterra, ELIO PERTICI
Er Mercato di Volterra, in “Volterra”