3 Mar 2017

;

Tardo Medioevo e Rinascimento a Volterra

Dall’instaurarsi della Signoria Belfortiana fino alla nascita del Granducato di Toscana, passando attraverso le due guerre “dell’imprendibile e irrequieta Volterra” opposta all’inarrestabile potere fiorentino. Anche quest’anno l’Associazione Pro Volterra, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, organizza una serie di incontri a carattere storico nei quali verrà affrontato un periodo particolarmente importante della storia di Volterra e del suo territorio.

Le materie trattate saranno riconducibili alla fine del Medioevo e al periodo rinascimentale; come di consueto, contestualmente ad un’inquadratura storica di carattere generale, i vari argomenti affrontati saranno declinati sulla realtà del “volterrano”. Il percorso culturale costituito da otto incontri settimanali avrà come titolo “IL TARDO MEDIOEVO ED IL RINASCIMENTO A VOLTERRA”; dalla metà del ‘300 agli inizi del ‘600.

Visite guidate:
Quest’anno abbiamo dato particolare importanza alla possibilità di visionare direttamente edifici e opere d’arte, organizzando ben tre visite guidate nei principali siti di interesse storico–artistico della città riconducibili al periodo trattato.

Incontri:
Gli incontri (ad eccezione delle visite guidate) si svolgeranno presso il Centro Studi Santa Maria Maddalena di Volterra, messo a disposizione della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, il primo incontro si terrà presso il Centro Studi mercoledì 15 marzo alle ore 17,00 e gli incontri successivi si terranno nei successivi mercoledì dalle ore 17,30 alle 19,00 ca., fino all’ultimo incontro previsto per il 3 maggio.

L’iniziativa si svolgerà sotto il Patrocinio del Comune di Volterra e del Club per l’Unesco di Volterra e si avvarrà della collaborazione dell’Accademia dei Sepolti, della Pinacoteca e Museo Civico, del Museo Diocesano di Arte Sacra e dell’Università di Pisa, nonché del contributo economico della Unicoop Firenze – Sezione Soci di Volterra che consentirà di coprire parte delle spese organizzative.

Iscrizioni:
Le iscrizioni vengono raccolte presso l’Ufficio Informazioni dell’Associazione Pro Volterra in Piazza dei Priori, 10; tel. e fax 0588.86150; e-mail info@provolterra.it.

Per l’iscrizione sarà necessario comunicare nome, cognome, luogo di residenza, recapito telefonico ed una e-mail di riferimento. Ove l’iscrizione avvenga tramite e-mail/telefono la quota potrà essere versata in occasione del primo incontro.

Presso il suddetto ufficio e sul sito dell’Associazione – www.provolterra.it – si potrà prendere visione di ulteriori dettagli e di eventuali aggiornamenti sull’iniziativa. Anche in questa occasione è intendimento utilizzare l’iniziativa per associarvi anche una finalità sociale.

Infatti, la piccola quota di iscrizione di ciascun partecipante – di Euro 20,00, per gli studenti la quota è di Euro 15,00, detratte le sole spese vive, sarà utilizzata per la costituzione di un fondo da devolvere in beneficienza. Per il tramite della Fondazione “Il Cuore si Scioglie” ONLUS, la cifra raccolta verrà devoluta alla Caritas Diocesana di Volterra.

Programma:
Claudio Gazzarri – Resp. Beni Culturali e Monumentali – Associazione Pro Volterra.
Le “guerre di Volterra”, la Fortezza e i ricchi palazzi del ‘600.
– Lo sviluppo della città verso un’urbanizzazione di qualità: dalla Fortezza Medicea ai grandi palazzi rinascimentali.
– Volterra e lo perdita dell’autonomia: dal “sacco” nella guerra per le allumiere alla “presa” del Ferruccio.

Jacopo Paganelli – Università di Pisa
– La Signoria dei 8elforli: le contese con gli Allegretti per lo cattedra Episcopale e la “peste nera”.

Alessandro Furiesi – Direttore della Pinacoteca e Museo Civico
Giulia Scarpone – Storico dell’Arte
– Dal Signorelli al De Witte, passando per il Rosso Fiorentino: visita guidata alla Pinacoteca Civica ed al Palazzo Minucci-Solaini.

Alessandro Furiesi – Direttore della Pinacoteca e Museo Civico
– Nobiltà e Patriziato cittadino: i successi politici, militari e religiosi dei “figli” di Volterra.

Alessandro Furiesi – Responsabile dell’Archivio Storico Diocesano di Volterra
– Testimonianze artistiche dell’autorità Vescovile in città: visita guidata alla Cattedrale di S. Maria Assunta ed al Battistero di S. Giovanni.

Umberto Bavoni – Direttore del Museo Diocesano di Arte Sacra e Consolo dell’Accademia dei Sepolti,
Giulia Scarpone – Storico dell’Arte
– Architettura e pittura nella vita religiosa volterrana: visita guidata alle chiese di S. Lino, S. Dalmazio, S. Francesco ed alla Cappella della Croce di Giorno.

Umberto Bavoni – Direttore del Museo Diocesano di Arte Sacra e Consolo dell’Accademia dei Sepolti
– Il culto Mariano nella Diocesi di Volterra: la Madonna nell’iconografia del territorio.

Fonte – Associazione Pro Volterra