La lavorazione a mano è una firma chiara che identifica la realtà lavorativa volterrana: tutto quello che significa oggi “Made in Italy” è in qualche modo il risultato della vita, del lavoro e del saper fare che si svolgono nelle botteghe artigiane. In questi luoghi si attuano da secoli un susseguirsi di insegnamenti non scritti dove l’esperienza si erige a maestro, dove il mancato cambio generazionale si eleva a obliatore.

Gli oggetti sono espressione di uno strano miscuglio di arte, tecnica, caratteristiche geofisiche, storia e paesaggio di questo territorio di cui fanno parte; la bottega è la loro casa. La bottega, non è solo il luogo in cui si attua la vendita tout-court dell’oggetto, ma è anche un laboratorio, in cui il fare esprime e tramanda la sapienza tecnica dell’artigiano, e un atelier, in cui la manualità diviene sapere e la tecnica diviene arte riconoscendosi nella sua unicità.

Botteghe artigiane a Volterra

La meccanizzazione e la digitalizzazione hanno reso i processi produttivi immediati e facilmente riproducibili, ad evidente discapito dell’originalità creativa: al contrario, nelle botteghe, si continua silenziosamente a tramandare un sapere sempre più antico, di cui ormai pochi conoscono i segreti. La figura dell’artigiano nel mondo contemporaneo sembra perciò configurarsi come una sorta di iniziato ad un’arte misteriosa: per non perdersi nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, essa necessita di essere tramandata, tutelata e diffusa.

SPARTACO MONTAGNANI

Alla fine del Novecento Via Porta all’Arco disponeva di numerose botteghe. Dopo la chiusura della struttura ospedaliera psichiatrica Volterra si era privata di una grande fonte di introito alché ha iniziato un lento processo di promozione turistica per la valorizzazione del centro storico. Il proliferarsi di ristoranti e pizzerie al taglio hanno rovinato un po’ l’aspetto vero di una città fatta per i cittadini. Tante botteghe hanno chiuso, ma alcune rimangono intatte come quella di Spartaco Montagnani, produttore di bronzetti e statuine dell’Ombra della Sera, simbolo iconico di Volterra.

> Scopri, Spartaco Montagnani


PAOLO SABATINI

Poco più giù c’era un calzolaio, il negozio ha chiuso da quel giorno funesto in cui lasciò la Terra. Non è stato riconvertito, ne sostituito, rimane chiuso e basta come un mausoleo in suo onore. Non si può dire la stessa cosa per le attività adiacenti, ma per fortuna alcuni fondi hanno continuato a ospitare, come una staffetta a favore della cultura, sempre e solo botteghe artigiane. Paolo Sabatini ad esempio dalla centralissima Via Matteotti ha preso dimora qui, vicino alla porta etrusca. Scultore e alabastraio, ha dedicato tutta la sua vita alla valorizzazione del design di qualità.

> Scopri, Paolo Sabatini


ACOUSTIC LIUTERIA

Sempre in questa via puoi avere l’onore di visitare la bottega del liutaio. Un mestiere difficile, il liutaio deve consegnare al Maestro di Musica il miglior strumento per farlo vibrare e ottenere il meglio dalle note musicali che ne scaturiscono. E’ una grande opera che si ottiene con un lavoro in piena sintonia fra due figure esperte nel settore, produttore e acquirente, che uniscono le loro competenze. Fulvio Cappelli, silenzioso e sempre chino sul suo banco da lavoro, lavora in un piccolissimo laboratorio incredibilmente caotico nella quantità di accessori presenti sopra le pareti.

> Scopri, Acoustic Liuteria


COLPA DEL VENTO

E’ incredibile come in questi tempi moderni resti forte, imprescindibile, pervicace il rapporto artista e natura fatto di colore e pennelli, di emozioni e di poesia, di paesaggi perduti e ritrovati, di estenuanti silenzi. Con Vanna Spagnolo si esprime un mondo pittorico originale e senza contaminazioni dove sensazioni e poesia si risolvono nel colore e nei tagli di un paesaggio sfocato ma sottilmente evocatore, non finito ma definito nella emozione. Ha un atelier in Via Don Minzoni, Colpa del Vento espone le sue opere per chi avesse voglia di acquistare la sua arte unica nel suo genere.

> Scopri, Colpa del Vento


VITRIUM

Pochi lo sanno, ma tutti la ammirano da sempre: da oltre tremila anni l’arte della lavorazione del vetro è ancora sogno, immaginazione, mistero da custodire con gelosia. Trasparente visione della vita per uno tra i più preziosi elementi che la natura ha regalato al nostro ingegno. E come la vita il vetro è sorprendente, malleabile, mille volte trasformabile. Materia che continua a vivere anche a Volterra con l’arte di Corinna Butler e con lo showrooms Vitrium ricco di trasparenze raffinate, delicate e tutte colorate. Anelli, orecchini, collane, bracciali e tante opere d’arte.

> Scopri, Vitrium


GLORIA GIANNELLI ALABASTRI

La produzione volterrana è considerata una delle più significative attività artigianali italiane, anche se oggi sta perdendo molti di quei valori che gli hanno dato pregio per molti anni. Per Gloria Giannelli, però, tutto è rimasto invariato. Lei lavora l’alabastro e nella storia degli alabastrai volterrani, prima di lei nessuna donna era mai riuscita a inserirsi nel settore. Lavora, ormai, dagli anni Ottanta e nonostante lo scetticismo di tanti, ha fatto della sua passione un mestiere. La sua bottega ricca di opere ornamentali è luminosa, pulita e di grande valore. Ci sono pezzi unici al mondo.

> Scopri, Gloria Giannelli Alabastri


RENZO GAZZANELLI

Quella dell’alabastraio era una bottega che si riconosceva a distanza per la soffice incrostazione di polvere bianca sul muro esterno; la porta d’ingresso era mantenuta generalmente chiusa da un ritaglio di alabastro che scorreva appeso a due carrucole; la finestra invece stava costantemente aperta ed era facile affacciarsi da fuori per guardare dentro o per parlare con gli alabastrai che lavoravano. Renzo Gazzanelli è ancora una realtà e lo puoi trovare in uno dei vicoli stretti paralleli a Via Ricciarelli. Un angolino nascosto, incredibilmente vero!

> Scopri, Renzo Gazzanelli


ALABASTRI ROSSI

Polvere, polvere, polvere! Scoprirai ben presto che le botteghe ricoperte dalla polvere bianca dell’alabastro sono così fotogeniche da non poterne fare a meno. Ognuna è diversa, a modo suo. Ognuna è un ecosistema di storie, tradizioni e qualità. Alabastri Rossi ha alle spalle un passato incredibile e i prosecutori di questa attività hanno davvero tantissimo da raccontare. Il laboratorio si trova in Piazzetta della Pescheria e si propone a metà tra negozio e museo delle antiche manualità. Merita una visita!

> Scopri, Alabastri Rossi


GRANDOLI ALABASTRI

Elisa Grandoli, opera all’interno di una piccola botteghina in Via di Sotto. Interessante poterla vedere a lavoro china sul suo piano di lavoro, perché nelle sue manualità c’è tutto l’amore di chi fa dell’unicità un valore importante di differenza culturale. I pezzi prodotti sono tutti diversi tra loro e diventano così oggetti di lusso, da collezione, di grande valutazione artistica che deve essere espressa anche tenendo di conto della nomea strepitosa della famiglia. Tieni di conto che ben tre delle generazioni Grandoli hanno dedicato l’intera vita alla produzione dell’alabastro.

> Scopri, Grandoli Alabastri


L’ALABASTRO DI SILVIA

Nel fondo adiacente dimora un’altra attività artigianale alabastrina. All’interno della minuscola bottega dell’Alabastro di Silvia si effettuano opere scultoree e delicati trafori, creando un ambiente accogliente dove poter ammirare le varie tecniche di lavorazione tradizionale dall’ideazione a lavoro finito. Il laboratorio è molto piccolo, ma denso di curiosità che sono sicuramente spunto di mille domande a cui Silvia Provvedi avrà il piacere di rispondere. Un ottimo angolo dove comprare souvenir di ottima qualità


FABULA ETRUSCA

Fabula Etrusca è una realtà ben radicata nella cultura e nell’economia di Volterra, che opera nel mondo orafo nazionale ed internazionale. La sua peculiarità, costituita da un gruppo di giovani orafi diplomati all’Istituto Statale d´Arte, è quella di aver caratterizzato, fin dalle origini, la propria produzione attraverso un´originale rivisitazione dell’arte orafa etrusca, in modo da farne rivivere la preziosità, l’eleganza e la raffinatezza esecutiva. Ha una sua precisa identità e distinzione, uno stile radicato nel passato ma in grado di creare forme dal successo inalterato.


LEGATORIA ARTISTICA

La legatoria artistica rilega libri con tecniche rigorosamente artigianali e con materiali di assoluta qualità. Primo fra tutti, una particolare carta realizzata a mano e prodotta attraverso un processo antico e laborioso, catturando tra le fibre fiori, foglie, piume, semi, cortecce, seta ed altri elementi offerti dalla natura. Patrizia e Angela Gronchi eseguono lavori con impressioni a secco ed oro; personalizzano qualsiasi lavoro; restaurano e rilega qualsiasi genere di opere che il tempo e l´uso hanno logorato. Questi sì che sono mestieri antichi!


MANO D’OPERA

Patrizia Cerella crea bassorilievi pittorici con materiali di recupero come la carta e pelle conciata. Il riutilizzo, oltre ad essere un’azione eticamente corretta, stimola la fantasia e l’ideazione di opere d’arte. Mana d’Opera è una bottega laboratorio dove puoi ammirare e comprare i suoi pezzi migliori. Si trova in Via Ricciarelli ed è l’ultima bottega artistica di questa arteria I temi che tratta sono giocosi, ma spesso contrappongo due interpretazioni dello stesso soggetto, cercando di far nascere un pensiero in chi guarda una mia opera.


ALAB’ARTE

Alab’Arte è una bottega artigiana di scultura specializzata nella lavorazione dell’alabastro di Volterra. Roberto Chiti e Giorgio Finazzo nel loro laboratorio aperto al pubblico realizzano sculture, oggetti per l’illuminazione e l’arredamento. Frequenti le collaborazioni con artisti contemporanei e importanti cantieri di restauro. Le tecniche tradizionali, gli strumenti utilizzati e la lavorazione interamente artigianale rendono unici i pezzi prodotti dalla bottega, perciò è quasi d’obbligo farci una visitina e se ne rimarrai estasiato perchè non ultimare la tua esperienza con un acquisto?